giovedì 21 aprile 2011

SABATO 23 APRILE 2011- FORME D'ARTE IN MUSICA [IL SOGNO DI RAVEL]

IL SOGNO DI RAVEL
(da un'idea di Fabrizio Pezzino)

...Nel 1908 Maurice Ravel compose "Gaspard de la nuit": opera per pianoforte solista, costituita da tre movimenti, ispirati ad altrettante poesie di Aloysius Bertrand.
Il nome Gaspard è di origine persiana e significa "l'uomo incaricato di custodire i tesori regali". "Gaspard de la nuit" significherebbe quindi "il tesoriere della notte".
Ravel dichiarò esplicitamente di aver voluto comporre un'opera che superasse in difficoltà l'Islamey di Balakirev, unanimemente considerato uno dei pezzi più ostici mai scritti. La padronanza tecnica che Gaspard de la nuit richiede all'esecutore è in effetti assoluta: la raccolta è tuttora un difficile banco di prova anche per i pianisti più dotati. Alcuni passi particolarmente difficili richiedono la scrittura su tre righi.
Ma chi è Aloysius Bertrand che scrisse il "Gaspard de la nuit" che ispirò tanto Ravel?
Bertrand scolpisce l'ombra delle parole morte, ne ascolta i suoni lunghi e infranti, abbandona lo sguardo dell'immaginazione ai frammenti che emergono dal buio di un passato sotterraneo, si lascia guidare dall'eco di una traccia, dal bagliore di un cristallo, dal grido raggelato di un impiccato. Archeologo alchimista, stupito della vita e affascinato dal fragoroso clamore della morte, nella veggenza della poesia ritrova i lacerti di una lingua perduta capace di dire l'esistenza in tutta la sua misteriosa complessità. Si aggira in questo mondo, ma non gli appartiene.
Attraverso le parole del poeta francese Bertrand, interpretate dall'attrice Stefania Mulè, i suoni dei musicisti Marcello Cinà, Davide Rinella e Fabrizio Pezzino, (rispettivamente: sax, armonica, percussioni) entreremo nell'universo sonoro di Ravel esplorato dalla pianista Alessandra Macellaro La Franca.



video





Atelier Forme d'Arte   
-Ore 17.30/19 jam session.
-Ore 19.15 [Il Sogno di Ravel]
via Goethe, 28
Palermo, Italy

Nessun commento:

Posta un commento